Stakeholder engagement

 I GRI Standards definiscono gli stakeholder come quelle entità o individui che possono avere un impatto significativo sulle attività, prodotti e servizi di un’organizzazione e le cui azioni possono incidere sulla capacità dell’organizzazione stessa di implementare con successo le proprie strategie e raggiungere gli obiettivi.

 Lo stakeholder è quel gruppo o quella persona che ha un interesse/impatto verso le attività dell’azienda e verso cui l’azienda stessa ha un interesse. È, inoltre, quell’attore con cui viene costruita una solida relazione continuativa. Gli stakeholder possono essere divisi in primari e secondari in base al grado di influenza (diretta o indiretta nei processi decisionali dell’azienda) e dipendenza (diretta o indiretta dalle attività, dai prodotti/servizi o dalle performance dell’impresa) reciproca tra azienda e stakeholder. Gli stakeholder primari sono identificati come quelli che hanno un’influenza diretta sull’impresa, sono inseriti all’interno della catena del valore, permettono il raggiungimento degli obiettivi aziendali e la cui valutazione positiva o negativa nei confronti di un’impresa contribuisce a costituirne la reputazione. Gli stakeholder secondari sono quegli stakeholder, che pur essendo importanti  hanno un minore impatto sulla catena del valore dell’impresa.

 Una adeguata comprensione dei propri stakeholder si traduce in un ambiente operativo più facile e più ricettivo, in cui le prestazioni migliorano.

Engagement

Lo stakeholder engagement è lo strumento che può contribuire tanto al miglioramento strategico quanto a quello operativo. Il coinvolgimento in questa fase può essere una fonte di innovazione e nuove collaborazioni, delineandosi come una risorsa. Come per la maggior parte degli Standard, un cambiamento nel livello e nell’approccio al coinvolgimento degli stakeholder si verifica nel tempo all’interno di un’organizzazione, pertanto, lo stakeholder engagement non è uno strumento fine a sé stesso, deve avere un obiettivo specifico in modo da diventare strategico a 360 gradi. Uno stakeholder engagement completamente integrato nella governance e nella strategia organizzativa coinvolge costantemente le funzioni aziendali, permettendo di individuare e portare a sintesi le priorità di intervento e le aree di maggiore interesse in termini di impatti economici, ambientali e sociali dell’organizzazione, ottenendo inoltre input utili per la lettura e la gestione di tali priorità, rafforzando e legittimando l’integrazione della sostenibilità nel business. Declinato in questa modalità lo stakeholder engagement non è solo uno strumento di ascolto ma permette anche di lavorare insieme attraverso processi di open innovation.

Le fasi del processo

Conosci i tuoi stakeholder e i temi per te più significativi?

 La prima fase identificata dallo Standard riguarda la mappatura di temi e stakeholder. La mappatura di stakeholder e dei temi possono essere trattate come due fasi distinte, ma rappresentano nel processo di stakeholder engagement di riferimento due azioni della medesima prima fase “Plan”.

La mappatura degli stakeholder. Al fine di progettare processi di coinvolgimento degli stakeholder che siano efficaci, è necessario avere una chiara comprensione di chi sono gli stakeholder rilevanti e di come e perché dovrebbero essere coinvolti dall’organizzazione. Le organizzazioni dovrebbero pertanto definire e mappare gli stakeholder più significativi per raggiungere il proprio scopo. Stabilire criteri chiari per la mappatura stakeholder consente alle organizzazioni di evitare che il coinvolgimento venga guidato da considerazioni non strategiche. Per identificare quelli che sono gli stakeholder prioritari della propria organizzazione, può essere utile porsi cinque domande.

Ha lo stakeholder un impatto fondamentale sulla tua organizzazione?

Puoi chiaramente identificare che contributo ti aspetti dallo stakeholder?

La relazione con il tuo stakeholder è dinamica? Vuoi che cresca e migliori?

Puoi esistere senza lo stakeholder? Puoi facilmente rimpiazzarlo?

Lo stakeholder è già stato identificato attraverso un’altra relazione?

Articoli correlati